- fiordisale - http://www.fiordisale.it -

Presto ch’è tardi!

Posted By fiordisale On venerdì 28 marzo 2008 @ 08:42 In colazione | 42 Comments

tortina-sprint.JPG

Mi sono fatta un amico…. :))) Ha un nome buffo, anzi un nome non ce l’ha ancora, ‘che io i nomi li metto solo ad amicizia acquisita. Piccola parentesi, i vostri pc ce l’hanno un nome? I miei si: tutti! Ad esempio in ufficio i miei pc si chiamano uno Zapata e l’altro Pablo (ahem… devo specificare le motivazioni che mi hanno indotto a dare sti nomi? :))) A casa invece ho Daryl III, della generazione dei Daryl, noti pc dotati di un gran cuore caldo, poi ci sta grisù e Carontino, che per un portatile mi pare pure un nome azzeccato, no? Vabbè, comunque io do il nome a tutto ciò che amo, pure alle mie piante :)))

St’amico mio, dicevo, ha un sacco di lucette e dopo qualche incomprensione e un certo grado di incacchiamento, come in ogni buona convivenza che si rispetti, ci stiamo acchiappando, anzi secondo me sto forno comincia a volermi bene, tò!

Partendo dall’inizio, per chi non ha vissuto e condiviso, anche attraverso il blog le mie ultime acrobazie e cocenti umiliazioni co’ sto nuovo forno (troppo) ipertennologico, posso dire solo che mi sono fatta un nuovo amico (forse, eh) … diciamo che per adesso abbiamo capito entrambi che siamo due cape toste, ma lui deve aver sospettato che io di più (:-D

Il fatto è che io non ho mai smesso di pensarci, sono il tipo di persona da martello pneumatico, finché non raggiungo l’obiettivo che mi sono data, non mollo. Questo per esempio, mi dicono, è un mio grosso difetto. Il problema vero è che in fondo a me piace da morire sto difetto. Che ci posso fare? Uno nella vita deve pure fare qualche scelta, e a quel punto era preferibile piacere alla moltitudine di gente, degna e legittimissima, pè carita, ma chisseneimpippa! O a me, che, parliamoci chiaro, tranne qualche sporadico momento di annebbiamento, sono abbastanza presente a me stessa? Ecco non per scarso rispetto nel prossimo ma semmai per un sano senso di conservazione della specie (in questo particolare caso parlo proprio della mia, ofcourse!) ho scelto me!!! Secondo voi ho fatto male? secondo me no, dai! Poi mica mi starei così simpatica, in fondo!

Perciò da qualche tempo, lentissimamente, e con estrema caparbia, da parte mia, che comunque, come ho detto, sono più capatosta del forno, le cose si stanno sistemando. Come si suol dire, sto scavezzacollo sta mettendo la griglia a posto. E dopo più di tre mesi di patimento, la cosa non può farmi che piacere e rilassa quella piccola porzioncina del cervello che da mesi viveva come avesse un grumo, una mosca che mi nuotava nel sangue, controcorrente. Ma adesso, a quanto pare, comincio a stargli simpatica, oppure lo sto prendendo per stanchezza va’ a sapè! Comunque il risultato è quello che conta, dai.

Queste tortine le ho fatte col cronometro in mano, ieri sera sono andata nel mio negozio preferito ed ho preso un multistampo per tortini (in metallo) perciò, anche se sono arrivata a casa tardi ho voluto provarlo all’istante e in meno di 20 minuti avevo già messo in forno l’impasto, una roba che pure quello che non ha mai tempo riesce fare, insomma.
Devo specificarlo che mi sono addormentata con un sorriso da orecchio a orecchio tanto che stamattina c’avevo la mandibola anchilosata? Devo specificarlo che non ho potuto, saputo e voluto resistere e stamattina, di corsa ch’era tardissimo, ho pensato bene di fotografare questo piccolo capolavoro che decreta la fine formale della guerra tra me e il forno e l’inizio di un’amicizia (che mi auguro il più lunga possibile)? Devo dirlo che sono contentimissimissima di aver(ci) un nuovo amico?

Tortini sprint all’arancia

Ingredienti:
burro 125g
farina 115g
zucchero 115g
maizena 3 cucchiai (da tavola, magari stasera li peso e specifico meglio, che odio i pressapochismi :))
uova 2
zucchero a velo 2 cucchiai
2 arance
8g lievito per dolci (mezza bustina)

Sbucciare col pelapatate le arance, evitando la pellicina bianca, e mettere le bucce in un frullino per sminuzzarle. Spremere le arance e tenere il succo da parte. Mettere il contenitore col burro nel microonde per 40 secondi per velocizzare l’ammordibimento. Unire le uova, e in sequenza lo zucchero e la farina, la maizena e il lievito setacciati. Aggiungere la buccia tritata delle arance e subito dopo il loro succo. Nel mentre che facevo tutte queste operazioni non ho mai spento lo sbattitore :))) Avvertenza, nel caso le arance risultassero più succose del previsto o comunque se l’impasto vi desse la sensazione di essere troppo fluido, a questo punto aggiungete un altro cucchiaio di maizena (non farina!) le cose si sistemeranno all’istante, promesso. Il risultato dovrebbe essere una specie di crema leggera ed omogenea. Imburrare degli stampini o il multistampo come ho fatto io, e non avete quello da tortini, meno profondo, usate quello da muffin e versare l’impasto a circa ¾ dell’altezza. Infornare a 170° per circa 25 minuti, o finché le tortine saranno dorate. Sformare tiepide su una griglia, e lasciar raffreddare oppure, fate come me che ho cominciato ad assaggiarne subito una, sono irresistibili!

Related posts:

  1. Il demone del tardi Il motivo per cui ho fatto questo primo piatto...

Article printed from fiordisale: http://www.fiordisale.it

URL to article: http://www.fiordisale.it/2008/03/28/presto-che-tardi/

Copyright © 2009 fiordisale. All rights reserved.