- fiordisale - http://www.fiordisale.it -

With God on our side (Con Dio dalla nostra parte)

Posted By fiordisale On venerdì 30 gennaio 2009 @ 11:54 In nessuna ricetta | 12 Comments

landloss

Questa foto viene direttamente da qua.

Vabbè oggi due al posto di uno, chè mi sento ispirata ma sopratutto perché dovevo dimostrare le mie ragioni ad un miscredente-amico-mio su questa mappa territoriale. Il che coinciderà con la vincita di un aperitivo, tanto per alleggerire il discorso :-)
Perché , diciamocelo, questa mappa fa davvero impressione, e vorrei ringraziare chi me l’ha inviata in mail, spingendomi ad approfondire l’argomento [grazie N.!].

With God on our side” non è solo il titolo di una struggente e bellissima  canzone di Bob Dylan, ma è, più in generale, un tipico atteggiamento mentale dell’opinione pubblica o dei governi quando si vuole dimostrare le proprie ragioni al di là della ragione stessa. Un po’ come dire che si ha degli alleati immaginari, che appoggiano ogni nostra cavolata. Più o meno funziona così, mi pare. I primi ad usare questa strategia per descrivere il ruolo della loro nazione come garante del Bene contro il Male, furono gli americani . E se non ricordo male Bush ha dato abbondante prova che questa teoria ha qualche fondamento. Da lì ad esportare questo tipo di filosofia in ogni angolo del mondo che ha per governanti dei bontemponi, il passo è stato breve. Ci pensavo l’altro giorno, in uno di quei dormiveglia inquieti che abitano le mie notti insonni, cos’è cambiato da Saigon a Gaza? Perchè i bambini di Saigon suscitarono l’indignazione planetaria e invece quelli di Gaza è come se non fossero mai esistiti?

Sono leggermente riluttante a scrivere di questo argomento, perché è un terreno estremamente scivoloso, ma non m’importa, il mio scopo non è far propaganda ai palestinesi, chè io mica me lo sono scordata che hanno inaugurato ed esportato nel mondo un certo modo di fare terrorismo a spese di civili, che non vengano a fare le anime candide col primo piano di Arafat sulla maglietta, che non è proprio il caso. Del resto come non provare profondo imbarazzo (fastidio, disgusto, eccetera) per i figli, i nipoti, e i pronipoti dei bambini morti ammazzati nelle camere a gas dei campi di concentramento che per dimostrare di aver capito certe lezioni di storia, stanno attuando le stesse strategie ai bambini palestinesi? Ma sta gente, chi la spalleggia la notte come dorme? Ma non provano un po’ di vergogna? Io si, ne provo tanta, per gli uni e per gli altri.

In questa vicenda nessuno si può dire esente da barbarie e porcherie e la cosa più disgustosa è che ciascuno ce la racconta con lo scopo di voler giustificare l’ingiustificabile, perché ognuno di loro è convinto di avere dio dalla loro parte (il che risulterebbe improbabile pure ad un ateo, diciamo).

Ecco a cosa serviva questa canzone, col suo testo senza tempo, buono per ogni guerra possibile, leggetene il testo, sembra scritta ieri sera ed invece è un testo di quarantacinque anni fa! Pazzesco!

With God on our side (Con Dio dalla nostra parte)

My name it means nothing My age it means less The country I come from Is called the Midwest I was taught and brought up there The laws to abide And that the land that I live in Has God on its side.
The history books tell it They tell it so well The cavalries charged And the Indians fell The cavalries charged And the Indians died The country was young With God on its side.
The Spanish American War had its day And the Civil War too Was soon laid away And the names of the heroes I was made to memorize With guns in their hands And God on their side.
The first World War, boys It came and it went The reason for fighting I never did get But I learned to accept it And accept it with pride For you don’t count the dead When God’s on your side.

The second World War It came to an end We forgave the Germans And then we were friends Though they murdered six millions In the ovens they fried The Germans now too Have God on their side.
I’ve learned to hate Russians
All through my whole life
If another war starts
It’s them we must fight
To hate them and fear them
To run and to hide
And accept it all bravely
With God on my side.
But now we got weapons
Of the chemical dust
If fire them we’re forced to
Then fire them we must
One push of the button
And a shot the world wide
And you never ask questions
With God on your side.
In many a dark hour
I been thinkin’ ‘bout this
That Jesus Christ
Was betrayed by a kiss
But I can’t think for you
You have to decide
Whether Judas Iscariot
Had God on his side.
So now as I’m leavin’
I’m weary as hell
The confusion I’m feelin’
Ain’t no tongue can tell
The words fill my head
And fall to the floor –
But if God is on our side
He’ll stop the next war.

Il mio nome non conta, la mia età nemmeno.
Il paese dal quale provengo fa parte dell’Occidente libero.
Sono stato cresciuto ed educato a obbedire alle sue leggi
e che la terra in cui vivo ha Dio dalla sua parte.

I libri di storia lo dicono, e lo fanno così bene.
La cavalleria caricava, gli indiani cadevano.
La cavalleria caricava, gli indiani morivano
perché il paese era giovane e con Dio dalla sua parte.

La guerra ispano americana aveva fatto il suo tempo
e anche la guerra civile è stata presto dimenticata.
E i nomi degli eroi li ho imparati a memoria
con il fucile nelle mani e Dio dalla loro parte.

Oh, la prima guerra mondiale è cominciata ed è finita.
La ragione per combatterla non l’ho mai capita.
Ma ho imparato ad accettarla, accettarla con orgoglio.
Non si contano i morti quando si ha Dio dalla propria parte.

E quando la seconda guerra mondiale finì
perdonammo i tedeschi e ora siamo amici
nonostante ne abbiano ammazzato sei milioni, li hanno arsi nei forni.
Anche i tedeschi, ora, hanno Dio dalla loro parte.

Ho imparato a odiare i russi per tutta la mia vita.
Se ci sarà un’altra guerra, dovremo combattere loro.
Dovremo odiarli e temerli per fuggire a nasconderci
e accettare tutto con coraggio e con Dio dalla nostra parte.

Ma ora abbiamo armi di polvere chimica
e se saremo costretti a usarle, lo faremo.
Uno premerà il pulsante e il mondo intero salterà in aria
e non devi fare domande quando Dio è dalla tua parte.

Per molte lunghe ore ho pensato
che Gesù Cristo fu tradito con un bacio.
Ma non posso pensare per voi, tocca a voi decidere
se pure Giuda Iscariota avesse Dio dalla sua parte.

E adesso devo lasciarvi, ho una stanchezza infernale.
La confusione che provo non può essere descritta in alcuna lingua.
Le parole mi riempiono la testa e cascano sul pavimento.
Se Dio è dalla nostra parte, fermerà la prossima guerra.

Bob Dylan, 1964


Related posts:

  1. Da questa parte della riva É vero lo ammetto, accusatemi pure di meteroantipatia, però...
  2. Poveri ma belli – seconda parte Un po’ di corsa, già ieri ho fatto ben...
  3. Il Pandöçe (Il Pandolce) – II^ parte Questa volta parlo del Pandolce alto. Alto per modo...
  4. Sbagliando s’impara (prima parte) Essì, sbagliando s’impara un sacco, ‘mazza s’è vero! ‘Sto...
  5. Poveri ma belli – prima parte (sottotitolo: Come spendere 10 euro per una cena di...

Article printed from fiordisale: http://www.fiordisale.it

URL to article: http://www.fiordisale.it/2009/01/30/with-god-on-our-side-con-dio-dalla-nostra-parte/

Copyright © 2009 fiordisale. All rights reserved.