ambè, si bè

tremonti-mobilita

dopo averci raccontato per anni le enormi convenienze a vivere da precari in un mondo in perenne mobilità, nell’estremo tentativo di convincerci che quella era la via maestra per arricchire il paese (o quantomeno per arrestare l’impoverimento dello stato) adesso il buon Tremonti fa marcia indietro. Ora chi glielo va a dire a quei quarantenni condannati al precariato eterno proprio da lui?
Aspettiamo da un momento all’altro che anche quellolì riveda le sue posizioni su:

– giustizia
– costituzione
– organi istituzionali
– presidente della repubblica
– stampa italiane ed estera
– intercettazioni
– lodi vari
– relazioni sindacali

Attendiamo fiduciosi.

Cosa ne pensate di tre strudel al prezzo di uno?

strudel-3-spinaci_00

Per merito del genio gastronomico di sta fanciulla, sabato me la sono cavata onorevolmente, rispetto a lei ho ritoccato l’impasto e pure il ripieno. Poi, già che c’ero e, sopratutto per far fronte ad un’occasione speciale con un (bel) po’ di amici di cui non conoscevo perfettamente i gusti, ho fatto 3 strudel diversissimi tra loro. La prima cosa che mi viene in mente è di spezzare una lancia a favore della scarola, ad esempio io non l’ho mai potuta sopportare, sia cotta che cruda. Il gusto non mi piace e l’odore ancora meno, ed invece questa volta, con mio sommo stupore, mi è piaciuta veramente tanto. Non so bene come mai, ma le cose che m’infastidivano sono scomparse unendola agli altri ingredienti. Sembra una barzelletta, è una vita che ogni volta che ci passo davanti al mercato dentro di me recito dei vade retro (persino con l’eco) e poi arriva sta tizia dal Belgio e me la fa (ri)scoprire. A pensarci fa ridere, eppure è vero. Basti pensare che nonostante in certi periodi dell’anno sia una delle verdure più a buon mercato io l’ho sempre sdegnosamente snobbata ed essendo genovese è tutto un dire, eh?! Perciò stavolta ho più di un motivo per essere soddisfatta. Le ricette me le marco tutte e tre, per il semplice fatto che poi chi si ricorda, li ho inventati al momento come al solito, anzi trovo già miracoloso aver trovato il modo di fare la foto del terzo strudel (nel frattempo gli altri due (quelli con la scarola appunto) si erano già volatilizzati :-)

L’impasto è per tutte e tre gli strudel, ne vengono 3 di medie dimensioni mmm diciamo circa 32×16, così non mi sgridate per il pressapochismo. Chi avesse bisogno di un solo strudel congeli le altre 2 palline come suggerisce Sigrid (io ho usato tutto quindi non so dire nulla sullo scongelamento). Una cosa che mi sento di sconsigliare è di dividere la quantità degli ingredienti per tre, cioè per farne uno solo; tentazione in cui in occasioni simili cado pure io, perchè, con questi tipi di impasto ho avuto risultati davvero scadenti.

Leggi tutto “Cosa ne pensate di tre strudel al prezzo di uno?”